Facebook Twitter
cheztaz.com

Le Origini Dell'umile Foglia Di Tè

Pubblicato il Dicembre 13, 2021 da Christopher Armstrong

Basato su favole mitologiche, ci sono molte storie di origine del tè. Il primo proviene da oltre 4500 anni fa. Il 2 ° imperatore cinese Chen Sung (circa 2737-2697 a.C.) era seduto sotto un albero mentre il suo servitore bolleva un po 'd'acqua. Una foglia dall'albero sopra cadde nell'acqua bollente e Chen Sung tentò la birra e si godette. L'albero era un albero da tè, naturalmente.

Un'altra favolosa fonte di tè proviene da Bodhidharma, il tradizionale fondatore della moderna scuola di buddismo. L'affermazione giapponese ha portato il tè dall'India in Cina. La leggenda indiana proclama che dopo 5 anni di una pratica di meditazione insonni di 7 anni sul Signore Buddha, Boddhidharma ha iniziato a sentirsi assonnato. Immediatamente strappò alcune foglie da un cespuglio vicino e le masticò che di conseguenza lo teneva sveglio. Il cespuglio era un pazzo albero di cespuglio. Un'altra storia lungo queste linee lo fa strappare le sopracciglia quando hanno iniziato a cadere e le ha gettate sul pavimento. Si ritiene che siano nati due alberi da tè che avevano la capacità di tenerlo in allerta e sveglio.

Qualunque sia la verità, le foglie dell'albero del tè venivano probabilmente usate come cibo nei primi giorni dagli abitanti indigeni della Cina meridionale. Un testo cinese di 50 a.C. cita il tè preparato da servi. Gli storici e gli studiosi hanno il tè coltivato a Szechuan intorno al III secolo d.C. Ci sono molti riferimenti autentici al tè nel dizionario cinese intorno al 350 d.C.

Dall'ottavo secolo lo scrittore cinese Lu Yu scrisse il primo libro sul tè, il "Ch'a Ching". Questa pubblicazione ha riassunto tutte le informazioni raccolte fino ad oggi sulla crescita e sulla preparazione del tè. Troverai molte illustrazioni di utensili per la produzione del tè. Questo libro è riuscito a fornire uno slancio significativo al bere del tè dalle classi superiori. Alcuni sostengono che questo libro abbia ispirato i sacerdoti buddisti per creare la cerimonia del tè giapponese.

Elaborazione precoce del tè.

Dal 4 ° secolo furono scelte le nuove foglie di tè verde, schiacciate in torte e poi arrostite a un colore rosso. Queste torte furono sbriciolate nell'acqua e bollite, nel frattempo tra cui zenzero, cipolla e buccia d'arancia. Questo tè è stato pensato come un grande rimedio per problemi di stomaco, cattiva vista e una serie di altri disturbi, ma deve essere stato davvero una birra davvero amara.

Circa circa l'VIII secolo i mattoni di tè erano ora bolliti con solo un po 'di sale. Dalla dinastia Tang, questa ricetta del tè era la bevanda nazionale delle classi dominanti. Il tè stava cominciando a esportare in Tibet, Turchia, India e Russia per la sua facile trasportabilità.

La prima menzione del tè fuori Cina e Giappone è stata dagli arabi nell'850 d.C. Alcuni affermano che lo hanno introdotto in Europa attraverso il porto di Venezia. Il portoghese ha spianato la strada all'ingresso del tè in Europa anche a causa della loro esplorazione dei passaggi del mare in Cina già nel XVI secolo. I sacerdoti gesuiti che tornano da est hanno riportato il loro tè a bere costumi in Portogallo. Anche i rivenditori olandesi sono entrati in azione. Nel 1610 furono lanciate spedizioni regolari di tè ai porti in Francia e Olanda. Dalla fine del 17 ° secolo, la compagnia inglese delle Indie orientali entrò nel commercio.

inizi di quei titoli per il tè.

Dal IV secolo in Cina, la parola cinese 'U veniva spesso utilizzata per fare riferimento agli arbusti oltre al tè. Il termine contemporaneo per il tè deriva da antiche parole dialetti cinesi come Tchai, Cha e Tay. Queste parole venivano usate per riguardare sia la bevanda che la foglia. Il tè si chiama cha o chai in India fino ad oggi. In Giappone, il termine CHA è usato per descrivere sia il tè che un brodo caldo.

I primi vantaggi del tè.

Sin dai primi tempi, il tè è stato riconosciuto e apprezzato perché è una bevanda sana rinfrescante. Realizzato dalle foglie secche della pianta di Camellia sinensis, si pensa che il tè possieda proprietà antiossidanti, può combattere il virus dell'influenza, aumenta anche il sistema immunitario.